La dieta vegana può accrescere il benessere mentale
0
vegan benessere mentale

 

La pandemia di COVID-19 e le chiusure hanno accresciuto lo stress, in modo particolare su quanti sono entrati in contatto con la malattia. Questo ha permesso di riconsiderare l’importanza del proprio benessere mentale e fare di esso una priorità.

Il tempo trascorso in solitudine ha permesso di dedicare spazi di riflessione e di guardare dentro di noi per valutare il nostro benessere mentale.

In molti hanno preso coscienza della precarietà del loro benessere mentale e deciso di dare una svolta significativa nel migliorare questo aspetto, alcuni rivolgendosi alla scelta di un hobby altri alla meditazione, altri ancora infine hanno unito a queste scelte la decisione di inserire nelle loro vite una dieta vegana, riconoscendo in questa scelta una seria opportunità per migliorare il benessere mentale e allontanare il rischio di soffrire di ansia o depressione.

Davvero la scelta di modificare le proprie abitudini alimentari può incidere nel migliorare il proprio benessere mentale? La risposta è si, la dieta vegana è in grado di fornire tutti gli elementi di cui necessitiamo per stare bene, anche mentalmente.

L’accusa rivolta allo stile di vita vegano è di non soddisfare il fabbisogno di vitamina B12 o di ferro, in entrambi i casi è possibile ovviare al problema inserendo un integratore come B12Green.
Una dieta a base vegetale garantisce il pieno soddisfacimento del fabbisogno vitaminico; a differenza della maggior parte degli adulti onnivori, quanti scelgono una dieta a base vegetale non hanno carenza di vitamina A, C o di magnesio, grazie alla varietà di alimenti che contengono le diverse vitamine necessarie a mantenere una salute ottimale.

 

I disturbi dell’ansia

La scelta vegana permette al nostro organismo di beneficiare delle energie necessarie affinché corpo e mente possano operare sempre al massimo delle loro capacità.

Alcuni studi hanno dimostrato il benefico effetto apportato all’organismo da zinco, magnesio e vitamina C, e una riduzione notevole dell’ansia nei giovani adulti.

La dieta vegana ben bilanciata fornisce una quantità sufficiente di vitamina in grado di combattere l’ansia, tanto che molte persone hanno confermato comeg.

Lo stress

L’alimentazione a base vegetale e i suoi nutrienti contribuiscono ad aumentare le riserve energetiche e a far diminuire i livelli di stress.
La scelta di verdure in foglie, l’assunzione di cibi fermentati e il consumo di cioccolato fondente intervengono nel far diminuire i livelli di cortisolo nel sangue, il cosiddetto ormone dello stress.

Livelli bassi di stress riducono sia il rischio di soffrire di depressione che d’ansia; viceversa alti livelli di cortisolo danneggiano il nostro benessere fisico e soprattutto il benessere mentale.

L’assunzione di carboidrati complessi tipici di una dieta vegana aumenta i livelli di serotonina, l’ormone del benessere. Al contrario il consumo di carne e derivati animali ricchi di acidi grassi a catena lunga possono incidere sui problemi tipici della depressione.

Un maggior consumo di cibi vegetali garantisce un miglior benessere fisico e mentale.

La consapevolezza della scelta vegana

Agire con consapevolezza migliora l’umore e il benessere mentale, facendoci rinunciare ai sentimenti negativi che incidono negativamente sul nostro benessere.

Una dieta vegana ed una a base vegetale incoraggiano la scelta consapevole di ciò che assumiamo e dei nutrienti che forniamo al nostro corpo. La scelta consapevole degli alimenti aiuta a stare bene e a costruire un rapporto sano ed equilibrato col cibo.

L’assunzione di alimenti vegetali sani e nutrienti aumenta la cura del nostro corpo e del nostro benessere mentale, per via della fiducia e della gratitudine che mostriamo verso noi stessi.

Il senso di appartenenza ad una comunità 

Ogni essere umano desidera appartenere ad una comunità, a differenza di quanto possa mostrare la società odierna che tende ad apparire sempre meno connessa. Un obiettivo comune riesce ad unire le persone, facendone una comunità.

Scegliere di diventare vegani può risultare complicato, soprattutto nei primi tempi e se si è i soli membri della propria famiglia. Potremmo temere di non essere più coinvolti in riunioni o in cene con amici, niente di più falso, visto che la comunità vegana è in costante aumento e  maggiormente presente in ogni città.

I ristoratori e i negozianti offrono sempre più spesso piatti e prodotti a base vegetale, e sorgono ogni giorno nuovi punti di ristoro vegani, luoghi dove potere condividere la propria scelta, ricevere consigli e testimonianze sulla scelta vegana.

Negli ultimi anni la comunità vegana è cresciuta notevolmente ed è molto accogliente con quanti si avvicinano per conoscerne lo stile di vita e fare una nuova esperienza nel segno della sostenibilità.

La sensazione di appartenere ad una comunità che si occupa attivamente del benessere degli animali e che ti sostiene nei momenti più difficili, contribuisce a migliorare significativamente il benessere mentale.

Diventare vegani

Non è sola una scelta legata all’alimentazione ma ad uno stile di vita. Molti sono i motivi che spingono verso questa direzione, tra questi la ricerca di un buono stato di salute o del benessere mentale.

Questa scelta oltre a difendere la sostenibilità dell’ambiente permette di migliorare la vita quotidiana di milioni di persone, che vedono migliorare la loro salute, mantenendo performance e livelli nutrizionali molto alti.

Per tutti questi motivi è fondamentale aumentare il consumo di cibo vegetale e non trascurare la corretta integrazione.

 

Ti potrebbero interessare:

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato

0

TOP